Le donne e il vino. E pure l’otto marzo

fullsizerender-3

“Quando papà s’è ammalato, io e mia sorella Elena abbiamo preso in mano l’azienda di famiglia. E siccome eravamo tre donne e c’era pure una nipotina, nel disegnare l’etichetta è venuto fuori questo Rosso delle donne. Perché lo facciamo noi, davvero: siamo una piccola realtà, non abbiamo braccianti: Elena va sul trattore. Sì, fa tutto: come un uomo”. Pure meglio, le suggerisco io, e Paola, di Cantine del Castello Conti, ride sotto i suoi riccioli neri e indica Elena al suo fianco, impegnata a versare il suo Boca a un gruppo di partecipanti al Banco di degustazione AIS dedicato all’Alto Piemonte.
Un banco ricco, caldo, partecipato come non se ne vedono spesso: bravo a tutti i produttori che hanno avuto voglia di mettersi in gioco e raccontare, come suggerivo qui, una zona del Piemonte forse meno conosciuta dai più, quella che comprende il biellese, le colline novaresi e il vercellese.
Spero che nessuno si offenda però se questa volta voglio parlare di donneContinua a leggere

Per l’8 marzo, non mimose ma ricette

1186042_671971306198680_997377932_n

Una bella iniziativa al femminile nell’ambito di Expo2015: We – Women for Expo sta raccogliendo “ricette per la vita” – non gourmet, non chissà cosa, ma le ricette che fanno star meglio, quelle che nutrono anima e corpo – per creare una rete di donne da mettere virtualmente a tavola in tutto il mondo.

Le trovate sulla pagina Facebook e su Twitter.

Perché il cibo, perché le donne? Perché il nutrimento è femminile. Perché:
WE-Women for Expo è un network di donne di tutto il mondo, che agiscono insieme sui temi dell’alimentazione, per migliorare il diritto al cibo.

Entrare a far parte di WE Women for Expo significa condividere l’obiettivo di dar voce alla cultura femminile, sul tema del nutrimento, perché:

1. Le donne costituiscono la maggioranza di coloro che lavorano la terra, fondatrici e mantenitrici del sistema-cibo, dalla dimensione domestica a quella agricola.

2. Le donne sono portatrici di una capacità di fare insieme, di cooperazione e di condivisione creativa: rappresentano un modello produttivo esemplare per costruire un futuro più sostenibile.

3. L’empowerment femminile è una straordinaria opportunità per tutto il Pianeta, economica, sociale, relazionale.

4. Le ricerche dimostrano che mettere maggiori risorse nelle mani delle donne, che siano madri, contadine, insegnanti o imprenditrici, è la chiave per costruire un futuro libero da denutrizione e malnutrizione.

5. Il cibo non è solo veicolo di nutrimento, ma di conoscenza, tradizioni, ricordi, contenuti affettivi, relazionali, spirituali, simbolici. Per questo l’educazione alimentare passa attraverso una nuova alleanza fra cibo e cultura.
Pronte con la vostra ricetta?